Istituto Comprensivo Giovanni XXIII

PROGETTUALITA’ INTEGRATIVA

 

La progettualità integrativa come supporto per la realizzazione degli obiettivi educativi e didattici.

I progetti approvati dal Collegio dei docenti ed  elaborati  dagli insegnanti dell’Istituto costituiscono un ampliamento prezioso delle attività di studio e si sviluppano in coerenza con le finalità del P.O.F., di cui costituiscono parte integrante. Essi consentono di “mettere in gioco” abilità, attitudini e capacità altrimenti poco utilizzate o difficili da far emergere; stimolano quindi la maturazione di capacità ed abilità, sviluppano le attitudini e, sul piano psicologico e comportamentale, rafforzano la motivazione allo studio ed all’impegno operativo, in tal senso rivestono tutti un carattere fortemente orientativo. I progetti approvati appartengono a tipologie diverse: alcuni sono più mirati al raggiungimento degli obiettivi cognitivi, altri, invece, sono tesi prevalentemente alla risoluzione e/o alla risoluzione di problematiche o forme di disagio individuali e sociali, sviluppando abilità cognitive in seconda istanza. Tutti, comunque, ottengono risultati teorici e pratici, cognitivi e relazionali pertanto l’esperienza educativa dei docenti conferma la loro utilità ed efficacia. Obiettivi concreti dei progetti, elaborati ed approvati per il corrente anno scolastico, sono le tre finalità principali dell’Istituto:

◊   scuola per la formazione dell’uomo e del cittadino italiano ed europeo;

◊   scuola creatrice di cultura e valori nell'attuazione dell’obbligo scolastico;

◊   scuola orientativa.

I vari progetti sono caratterizzati da unità di metodo, strategie ed obiettivi, e ciò li rende reciprocamente infusivi:

◊      prevedono compiti disciplinari e trasversali;

◊   promuovono apprendimenti verificabili, saperi consolidati e interpretazioni di nuovi bisogni formativi;

◊   sono prevalentemente finalizzati all’operatività, all’impegno sul territorio ed all’acquisizione di valori.

I progetti, così come le attività integrative, vista la ridotta disponibilità di fondi ministeriali, sono stati articolati in diverse categorie:

A. Progetti ed attività finanziati con il Fondo di Istituto, per i quali non è prevista la   partecipazione economica delle famiglie;

B. Progetti ed attività per i quali è previsto un contributo economico delle famiglie, con eventuale carico parziali del Fondo di Istituto;

C. Progetti ed attività finanziati direttamente da istituzioni nazionali o locali.



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.